GROM: LA GIUSTA DIMENSIONE DI UN PRODOTTO DI MASSA

Grom non è il Gelato come una volta , come un bravissimo copy ha affermato tempo fa: è un prodotto dei tempi moderni, di un retail che punta tutto sull’esperienzialità e sull’artificio che dialoga con essa.

Trovo non sia semplice da fuori fare una analisi che sia distaccata da un coinvolgimento emotivo che inevitabilmente affligge tutti noi, sia professionisti del retail che semplici degustatori di uno dei prodotti iconici della gastronomia italiana, che hanno visto in Grom la possibilità di un veicolo efficace della tradizione gelatiera tricolore.
Laddove, prima di loro, erano riusciti e continuano a crescere altri italiani visionari e pragmatici, quali Cristiano Sereni e Paolo Benassi che con Amorino hanno fatto un vero e stabile sviluppo.
Lasciando l’Italia e stabilendosi in Francia. 

C’è da premettere che ‘’Gelato Artigianale’’ e catena sono due definizioni in antitesi: giocoforza non puoi chiamare ‘’Gelato come una volta’’ un prodotto semi industriale e realizzato partendo da semilavorati. Regge all’inizio ma in una società liquida dove le informazioni corrono più veloci delle merci, il cliente ‘’sgamato’’ ti assegna il giusto valore.
Malgrado lo storytelling, malgrado la luminosità delle vetrine ed i colori pastello delle pareti.
Se fai sviluppo, che siano aperture dirette o che sia franchising, o diventi un industria oppure alla terza apertura hai già la lingua ed fuori ed il tuo mastro gelatiere passa alle ‘’robe’’ pesanti.

Grom è stata una bellissima operazione di marketing, quanto autentica sia stata la genesi del marchio lo sanno forse solo in tre; ma va riconosciuto il merito di aver riportato l’attenzione in Italia verso un prodotto tanto amato quanto bistrattato dagli stessi operatori. Ma se devo mangiare un gelato ‘’come una volta’’ mi faccio 30 kilometri e da Monza vado a San Donato Milanese da Gelateria San Giuda che lavora ancora il prodotto partendo dalla materia prima, con un laboratorio a vista su strada ( https://www.facebook.com/gelateriasangiuda/ ) ed adoro Anna Massari proprio per non essere scesa a compromessi pur avendo ricevuto offerte per diventare una catena.
Poi Grom… Oggi c’è un anima asettica, finanziaria, che ne gestisce ogni singola componente. Impermeabile ai sentimenti e decide di chiudere quello che fu il primo punto vendita.

E’ un brand, come lo sono tanti nel portafoglio Unilever; Grom è scomparsa quando non ha definito un business model sostenibile.
Per quello c’è Amorino , o romanticamente San Giuda. 

Post collegati: